Il mio mondo

Buona parte dei miei vent’anni li ho trascorsi fidanzata con un ragazzo, ambizioso, studioso, esuberante, amicone di tutti. Siamo stati bene insieme per quasi sei anni, abbiamo costruito molto, lui è riuscito a laurearsi in economia e commercio, in pochissimo tempo, io continuavo a studiare spronata sempre da lui, ma poi qualcosa si incrinò. Io ho iniziato a non stare troppo bene psicologicamente, sono stata per molti anni in cura, avevo bisogno del supporto di tutti. Durante questo percorso alcuni li ho persi, altri hanno continuano a percorrere la mia stessa strada. Lui è uno che ho perso, avevo altre esigenze, iniziavo a capire altre cose di Anna, la stessa Anna stava uscendo fuori, prima era sommersa. Insomma mi ero persa, avevo perso la mia identità.

Il mio fidanzato mi costringeva a passare più tempo con i familiari, ma io non lo sopportavo, era una costrizione soffocante per me, per la ragazza di allora. Dovevo socializzare di più con i suoi amici, ma io mi sentivo inadeguata e non all’altezza.

Parlavamo di matrimonio, avevamo un futuro roseo davanti. Sposando lui non avrei mai avuto problemi economici, non mi sarei mai dovuta cercare un lavoro, avrei fatto almeno due figli e avrei abitato in una bella villetta vicino ai miei genitori.

Ma sono scoppiata e Anna ha scelto la libertà di pensiero e di agire.

Anna ha scelto la precarietà e l’instabilità economica.

Anna ha scelto una strada che mi ha portata, dopo molti anni, nelle braccia del mio attuale marito.

Ma io sono contenta, ho l’amore, ho il mio mondo, duro, difficile ma mio, costruito con le mie mani.

Ho avuto dei rimpianti, ho cercato di tornare indietro, lui mi aveva riaccettata ma fatalmente ho commesso altri errori e tutto finì.

Nei miei errori mi sono costruita il mio futuro. Che fortuna sfacciata!

Annunci

34 Comments

  1. Questo siamo noi.
    Un misto di passi avanti ed indietro, di brusche frenate e di fortissime accelerate.
    A volte non sappiamo nemmeno dove vogliamo veramente andare, ma è importante che questo avvenga senza essere strattonate, spinte, persuase a forza ad intraprendere una strada alternativa che non coincide con la nostra.
    Buon percorso e che sia tutto tuo!

    Piace a 2 people

  2. Quello che hai detto, in molti me e compreso l’hanno vissuto. Quello di perdersi, di accettare di aver commesso errori e ripartire chiudendo un capitolo ma al tendine nuovi. Con la differenza che non tutti hanno il coraggio di dirlo, condividerlo.E tu l’hai fatto ed è utile a tanti

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...